Cerca
Close this search box.

Modalità operative: Decreto Direttoriale n. 143 del 06.11.2023

modalita-operative-decreto-direttoriale-143

Il 7 novembre 2023 hanno visto la luce due grandi novità in chiave RENTRI: un Decreto Direttoriale del MASE, il n. 143 del 06.11.2023, e il sito internet del RENTRI.

In questo articolo sintetizziamo perché sono e saranno due strumenti fondamentali per destreggiarsi all’interno del nuovo RENTRI.

Il Decreto Direttoriale n. 143 del 06.11.2023

L’obiettivo di questo decreto, che rientra tra quelli previsti entro il 12.12.2023 dall’art. 21 del DM 59/2023, è fornire i dettagli in merito a:

  • le modalità operative per l’iscrizione al RENTRI da parte degli operatori;
  • le modalità operative per la gestione del registro cronologico di carico e scarico e del FIR in formato cartaceo;
  • le modalità operative per la tenuta del registro cronologico di carico e scarico e del FIR mediante sistemi gestionali;
  • le modalità operative per la trasmissione dei dati del registro cronologico di carico e scarico e del FIR mediante interoperabilità;
  • le modalità operative per la tenuta del registro cronologico di carico e scarico e del FIR e per la trasmissione dei dati mediante servizi di supporto;
  • requisiti e specifiche tecniche.

Le modalità operative trattate sono ben 18 e per ciascuna di esse è presente una scheda di dettaglio che schematizza quali sono gli obiettivi, i destinatari, le modalità di fruizione e accesso e le funzionalità rese disponibili dal servizio.

Eccole di seguito elencate:

  1. Iscrizione al RENTRI
  2. Inserimento dei dati delle autorizzazioni
  3. Iscrizione alla sezione speciale e gestione delle deleghe ai sensi dell’art. 18 del D.M. 4 aprile 2023, n. 59
  4. Stampa di un format esemplare di registro cronologico di carico e scarico
  5. Vidimazione digitale del FIR cartaceo tramite interoperabilità con sistemi gestionali
  6. Emissione e vidimazione digitale del FIR cartaceo
  7. Trasmissione della copia del FIR cartaceo (chiusura del ciclo di vita del formulario)
  8. Vidimazione digitale del registro cronologico di carico e scarico
  9. Emissione e gestione in formato digitale del FIR
  10. Vidimazione del FIR digitale tramite interoperabilità con sistemi gestionali
  11. Trasmissione dei dati del registro cronologico di carico e scarico mediante interoperabilità
  12. Trasmissione dei dati del FIR mediante interoperabilità
  13. Servizio di supporto per l’assolvimento degli obblighi relativi all’utilizzo del FIR in modalità digitale in mobilità
  14. Servizio di supporto per l’assolvimento degli obblighi relativi all’emissione del FIR in modalità digitale
  15. Servizio di supporto per l’assolvimento degli obblighi relativi alla trasmissione dei dati del registro cronologico di carico e scarico
  16. Servizio di supporto per l’utilizzo di strumenti di identità e autenticazione e sottoscrizione
  17. Specifiche tecniche
  18. Requisiti per l’interoperabilità applicativa dei sistemi gestionali degli operatori

Con successivi decreti direttoriali verranno approvate le modalità di compilazione dei modelli allegati al D.M. 59/2023 di FIR e registro di carico e scarico, nonché i requisiti per i servizi di consultazione da parte delle amministrazioni interessate e i manuali e le guide sintetiche a supporto degli operatori e degli utenti.

Il sito internet del RENTRI

È online all’indirizzo web https://www.rentri.gov.it/it il sito internet del RENTRI.

Come già previsto dal DM 59/2023, qui saranno pubblicate tutte le disposizioni normative che regoleranno il funzionamento del RENTRI e sarà possibile accedere alle 4 aree di interesse del RENTRI in base alla tipologia di soggetto:

  1. operatori obbligati all’iscrizione;
  2. produttori di rifiuti non ancora iscritti o non obbligati all’iscrizione;
  3. soggetti delegati alla gestione degli adempimenti normativi: associazioni imprenditoriali rappresentative sul piano nazionale o società di servizi di diretta emanazione delle stesse,  gestore del servizio di raccolta (ovvero affidatario del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, inteso come complesso delle attività volte ad ottimizzare la gestione dei rifiuti, ivi inclusi i comuni che gestiscono in economia), gestore di un circuito organizzato all’art. 183, comma 1, lettera pp) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  4. Enti di controllo.

Non meno importanti sono la sezione supporto dove sono presentate FAQ utili e “assistenza virtuale” dove sarà data la possibilità agli operatori di ricevere supporto al fine di individuare i propri obblighi e le tempistiche da rispettare.

Facebook
Twitter
LinkedIn