Cerca
Close this search box.

Misurare le prestazioni nei Sistemi di Gestione ISO 45001 e ISO 14001

misurare_le_prestazioni

Nei sistemi di gestione ISO 45001 e ISO 14001, valutare le prestazioni è cruciale per garantire il continuo miglioramento e il raggiungimento degli obiettivi aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di gestione ambientale.

Vogliamo esplorare il processo di valutazione delle prestazioni attraverso il monitoraggio, la misurazione e l’analisi, secondo quanto descritto nel punto 9.1.2 delle norme ISO 45001 e ISO 14001.

Perché monitorare e misurare?

Il monitoraggio è un tema articolato che non può essere esaurito – nonostante spesso così capiti- con la sola individuazione di indicatori.

Le fasi di monitoraggio e misurazione forniscono dati tangibili sui risultati ottenuti rispetto agli obiettivi prestabiliti.

Questi dati consentono alle Organizzazioni di identificare punti di forza e di debolezza nei loro processi, facilitando l’adozione di azioni di correzione e di miglioramento tempestive.

Il monitoraggio costante consente di rilevare eventuali deviazioni dalle politiche e dagli standard stabiliti, riducendo così il rischio di incidenti e di impatti ambientali negativi.

Quali sono i passaggi per implementare un processo di monitoraggio e misurazione?

  • Definizione degli Obiettivi: non si può misurare in astratto, ma occorre identificare gli obiettivi specifici che si desidera raggiungere nel contesto della salute e sicurezza sul lavoro e della gestione ambientale;
  • Selezione degli Indicatori Chiave di Prestazione (KPI): identificare i parametri chiave che riflettono il successo nell’ottenere gli obiettivi definiti. Ad esempio, incidenti sul lavoro, consumi energetici, emissioni di gas serra, ecc. ma anche indicatori di prestazione dei processi gestionali;
  • Raccolta dei Dati: implementare procedure per la raccolta accurata e affidabile dei dati relativi agli indicatori selezionati;
  • Analisi dei Dati: utilizzare strumenti e tecniche appropriate per analizzare i dati raccolti e identificare tendenze, pattern e anomalie;
  • Valutazione delle Prestazioni: valutare le prestazioni confrontando i risultati ottenuti con gli obiettivi prestabiliti e gli standard di riferimento;
  • Implementazione di Azioni Correttive e Preventive: sulla base delle analisi effettuate, adottare azioni correttive per affrontare le deviazioni e azioni preventive per prevenire il ripetersi di situazioni indesiderate.

Tipologie di possibili indicatori

Esaminare attentamente le tipologie di indicatori è cruciale per garantire che la valutazione delle prestazioni sia completa e accurata.

Le tipologie comuni includono:

  • Indicatori di Prestazione Primari: questi indicatori sono direttamente correlati agli obiettivi strategici dell’Organizzazione, come il tasso di incidenti sul lavoro, l’efficienza energetica, o le emissioni di gas serra;
  • Indicatori di Prestazione Secondari: questi indicatori forniscono informazioni più dettagliate o specifiche rispetto agli indicatori primari. Ad esempio, il numero di ispezioni di sicurezza condotte o il consumo di energia per unità prodotta;
  • Indicatori di Processo: questi indicatori monitorano l’efficacia ed l’efficienza dei processi chiave all’interno dell’Organizzazione;
  • Indicatori di Conformità: misurano il grado di aderenza ai requisiti normativi, legali o contrattuali. Ciò potrebbe includere il numero di violazioni normative segnalate o il rispetto delle scadenze relative ad obblighi cogenti.

E’ importante distinguere tra Indicatori e Indici nei sistemi di gestione:

Indicatore: Un indicatore è una misura quantitativa o qualitativa che fornisce informazioni sullo stato o sulle prestazioni di un processo o di un sistema. Ad esempio, il tasso di infortuni sul lavoro è un indicatore della sicurezza sul lavoro.

Indice: Un indice è una combinazione di più indicatori che fornisce un’unica misura sintetica delle prestazioni complessive di un sistema o di un’area specifica. Ad esempio, un indice di sostenibilità potrebbe includere indicatori relativi alle emissioni, al consumo di risorse e alla gestione dei rifiuti.

Nel contesto del monitoraggio delle prestazioni, è importante considerare anche la differenza tra Lag e Lead Indicators:

Lag Indicators: Questi indicatori riflettono gli eventi o le prestazioni passate e sono spesso utilizzati per valutare i risultati conseguiti. Ad esempio, il numero di incidenti sul lavoro registrati è un lag indicator che fornisce informazioni retrospettive sulla sicurezza sul lavoro.

Lead Indicators: Questi indicatori forniscono informazioni anticipatorie sulle prestazioni future e possono essere utilizzati per prevedere e influenzare i risultati desiderati. Ad esempio, il numero di near miss o unsafe act è un lead indicator che indica il grado di vicinanza  – sotto il profilo statistico – all’accadimento di un infortunio.

Integrando una combinazione di indicatori, indici, lag e lead indicators, le Organizzazioni possono ottenere una valutazione completa e proattiva delle loro prestazioni nei sistemi di gestione ISO 45001 e ISO 14001.

Quali errori comuni si possono evitare?

1. Mancanza di definizione di obiettivi chiari

Senza obiettivi chiari e ben definiti, diventa difficile valutare le prestazioni in modo efficace.

Definizione di strumenti di misura generici e poco rapportati all’oggetto da misurare o slegati dai processi da misurare o che non forniscono informazioni sulle reali performance del sistema.

2. Raccolta inadeguata dei dati

Dati incompleti o inaffidabili possono portare a conclusioni erronee e decisioni sbagliate.

3. Mancanza di analisi approfondita

La semplice raccolta di dati non è sufficiente; è essenziale analizzare i dati in modo approfondito per ottenere informazioni significative.

4. Mancanza di azioni correttive e preventive

Senza azioni concrete basate sull’analisi dei dati, il processo di monitoraggio e misurazione diventa inefficace nell’indirizzare le aree di miglioramento.


La valutazione
delle prestazioni
nei sistemi di gestione
ISO 45001 e ISO 14001

Facebook
Twitter
LinkedIn